Capitale PDF

Questa voce o sezione sull’argomento economia non cita le fonti necessarie capitale PDF quelle presenti sono insufficienti. Il termine capitale viene usato con varie accezioni nel campo dell’economia e della finanza.


Un périple urbain entre réalité crue et critique sociale acerbe. Soixante-six dessins assortis de leurs légendes piquantes.

In finanza e in ragioneria, il capitale si riferisce generalmente alla ricchezza finanziaria, con particolare riferimento a quella utilizzata per avviare o sostenere un’impresa. Nell’economia marginalista, il capitale è uno dei tre fattori di produzione, mentre gli altri sono la terra e il lavoro. Sono fatti dall’uomo, a differenza della « terra », che si riferisce a risorse naturalmente disponibili come luoghi geografici o minerali. Non sono usati direttamente in processi produttivi, a differenza di materiali grezzi o semilavorati. La terza parte della definizione non era sempre utilizzata dagli economisti classici.

Karl Marx aggiunge una distinzione che è spesso confusa con quella di Ricardo. L’investimento o l’accumulazione di capitale nella teoria economica classica è l’atto di creare un capitale maggiore rispetto a quello originale. La teoria economica tradizionale generalmente considera il capitale come un oggetto fisico, come strumenti, edifici e veicoli che vengono utilizzati nel processo produttivo. Altri economisti hanno posto la loro attenzione su forme più ampie di capitale.

Ad esempio, investimenti per l’aumento della conoscenza e l’educazione possono essere visti come il modo per costruire il capitale umano. Alcune teorie utilizzano i termini capitale intellettuale o capitale della conoscenza, conducenti a discussioni e controversie sviscerate nei rispettivi articoli. In generale, il capitale intellettuale è quello che produce nuovi « diritti di proprietà intellettuale », e che a sua volta è « qualsiasi cosa per la quale un soggetto possa vedere pagati dei diritti d’autore » Inoltre, ognuno può creare diritti di proprietà intellettuale semplicemente prendendo le idee di qualcun altro e poi brevettandole. Quindi il capitale intellettuale non ha bisogno di essere usato. Capitale finanziario ossia ricchezza numeraria o facilmente trasformabile in numerario.

Capitale naturale che è inerente alle ecologie ed è protetto da comunità per supportare la vita, ad esempio un fiume che fornisce acqua ai terreni agricoli. Capitale infrastrutturale è un sistema di supporto creato dall’uomo per lo svolgimento e la facilitazione delle attività economiche. Capitale umano, derivante dagli investimenti in qualifiche ed istruzione. Capitale individuale che è inerente alle persone, tutelate da società, e offre manodopera per credito o denaro.

Concetti paralleli sono quelli di ‘talento’, ‘ingegnosità’, ‘direzione’, ‘corpi allenati’ o ‘capacità innate’, che non possono essere riprodotti in modo attendibile usando qualsiasi combinazione. Sebbene sia ancora possibile calcolare il concetto macro-economico di capitale umano come salario, è raro o poco abituale farlo quando si tratta del processo di pianificazione degli investimenti: per questo, esso viene suddiviso in modelli specifici, che sono distinti quando si considerano i mezzi della loro identificazione, del loro investimento, e del loro utilizzo. Il termine « capitale umano » può così creare più problemi che altro. Vi è anche una letteratura sul capitale intellettuale e sulla legge di proprietà intellettuale. I metodi valutativi sono diretti o indiretti. Saarbrucken, Germany, LAP LAMBERT Academic Publishing, 2016, ISBN 978-3-659-91698-4. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 27 nov 2018 alle 12:45.

Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Brasilia è compresa nel Distretto Federale, creato da Juscelino Kubitschek all’interno dello stato di Goiás. Il Distretto è toccato dai fiumi Preto, ad est, e Descoberto, ad ovest. L’estate è calda e piovosa, mentre l’inverno è mite e siccitoso. Il presidente Juscelino Kubitschek ordinò la costruzione di Brasilia, mettendo in atto un articolo della costituzione repubblicana del paese, lungamente trascurato, nel quale si stabiliva che la capitale dovesse essere trasferita da Rio De Janeiro.

Il suo principale pianificatore urbano fu Lúcio Costa. Dal 1763 al 1960, la capitale del Brasile fu Rio de Janeiro, e le risorse tendevano ad essere concentrate nella regione sud-orientale del paese. La posizione centrale di Brasilia fece sì che la capitale diventasse maggiormente « neutrale », rispetto alle varie regioni. Nel 1883 il sacerdote italiano Giovanni Bosco ebbe un sogno profetico, in cui descrisse una città futuristica che corrispondeva più o meno all’ubicazione di Brasilia. Don Bosco lo raccontò il 4 settembre ai membri del Terzo Capitolo Generale. Don Lemoyne lo mise subito per iscritto e Don Bosco lo completò e lo ritoccò.

Allora una voce disse ripetutamente: Quando si verrà a scavare le miniere nascoste in mezzo a questi monti, apparirà qui la terra promessa fluente latte e miele. I principali musei si trovano nel Asse Monumentale. Il Panteão da Pátria e da Liberdade Tancredo Neves, che ha la forma di una colomba e fu creato da Oscar Niemeyer, inaugurato nel 1986, conserva anche il « Libro degli eroi della Patria », che racconta la storia di coloro che hanno combattuto per l’unità della nazione. Il Memorial JK espone vari oggetti personali, foto, regali, lettere e la tomba stessa, dell’idealista della città Juscelino Kubitschek de Oliveira. Il portoghese è la lingua ufficiale del paese, e quindi quella insegnata nelle scuole.

This entry was posted in Adolescents. Bookmark the permalink.